VIVAIO – Mascotte di Vestire il Paesaggio …

… Un’idea diventata realtà

Fino dai tempi della preistoria ogni popolo, ogni agglomerato di persone riunito insieme per gli scopi più disparati ha sempre avuto una icona rappresentativa del proprio voler essere o rappresentare. E’ sulla base di questo  che fino da allora sono nate le  mascotte.
Inizialmente create solo per portare buon augurio con il passare del tempo si sono evolute all’elevato rango di figure grafico-rappresentative e, a volte, di guide.
Anche Vestire il Paesaggio nell’ottica di rinnovarsi, ha deciso, con l’edizione del 2010, di creare una propria mascotte significativa  che facesse da guida, con la sua costante presenza, agli eventi presenti all’interno della manifestazione internazionale.  La realizzazione del personaggio non è stata semplice, si voleva creare una mascotte che non rispondesse solo ad una pura esigenza estetica ma che potesse essere fortemente legata al mondo delle piante e fosse, soprattutto,  estremamente comunicativa.
I ripensamenti, le bozze, le modifiche si sono alternate sistematicamente ma alla fine il personaggio ha preso corpo e si è concretizzato e sviluppato passando da due fasi distinte di creatività che hanno dato vita a due serie  di personaggi inseriti nel mondo del verde, dell’agricoltura e del vivaismo e  impegnati in atteggiamenti di lavoro   specifici e caratterizzanti le fasi operative della realtà vivaistica. Il volto del personaggio richiama il classico vaso in terracotta tipico delle coltivazioni di agrumi e delle piante mediterranee nelle ville medicee.

Il Personaggio, nel corso del tempo ha preso la sua forma, è cresciuta si è fatta conoscere nell’edizione 2010 di Vestire il Paesaggio, è divenuta un personaggio importante cosa accadrà da ora in poi? … La nostra mascotte, con il tempo, assolvendo il suo compito identificativo di un tema e di un territorio, è cambiata anche strutturalmente  e soprattutto,  si è avvicinata a poter rappresentare un punto identificativo per tutto il settore vivaistico pistoiese. Dopo aver accompagnato e seguito i progetti e le realizzazioni di mostre, manifestazioni e congressi   in qualità di “spirito illuministico e di guida”,  il nostro personaggio è entrato prepotentemente nel salotto importante del vivaismo pistoiese, ne ha assorbito tipologie e peculiarità fino a diventarne l’elemento caratterizzante. Infatti a decorrere dal 7 febbraio 2012  “Vivaio” è stato registrato dal Coordinamento Distrettuale della Provincia di Pistoia a nome  dal Distretto Rurale Vivaistico Ornamentale  Pistoiese quale marchio collettivo  d’impresa per tutto il settore .

Vivaio, da allora,  rappresenta una buona possibilità per tutto il comparto pistoiese delle piante e può essere utilizzato sia per garantire la natura, la qualità sia per la  promozione di qualsiasi  prodotto vivaistico locale. Ogni impresa specifica operante sul nostro territorio potrà farne uso per la propria commercializzazione e promozione  a garanzia di un prodotto pienamente rispondente alle caratteristiche stabilite dal regolamento d’uso dello stesso. Tutto il Distretto ed i suoi rappresentanti potranno  avvalersi della figura di Vivaio che avrà modo di poter continuare  la  sua opera di guida, di promozione e di riconoscimento del proprio territorio in Europa e nel mondo.

Tutto questo avrebbe anche potuto far montare la testa al nostro piccolo eroe, avrebbe  potuto trasformarlo in  un nuovo piccolo manager, la nostra mascotte avrebbe potuto prendere  sembianze molte diverse dal personaggio inizialmente creato, invece non è stato così. Vivaio si è modificato ma solo marginalmente, è rimasto praticamente un personaggio molto simile a quello nato circa tre anni fa, ha mantenuto gran parte delle sue peculiarità rimanendo strettamente legato al mondo dal quale con infinito orgoglio, proviene.

Adesso Vivaio è così come lo vedete, grande esperto e affettivamente vicino alle  sue piante, è rimasto nostalgicamente legato alla manifestazione che lo ha generato e ancora oggi, come in futuro, almeno secondo le nostre speranze, continuerà ad essere la guida di “Vestire il paesaggio”:  per questo è lì che ti aspetta pronto a portarti, con la sua perizia ed il suo infinito amore, all’interno del mondo verde più magico e coinvolgente che c’è …

Buon viaggio!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *