Pistoia Capitale Italiana della Cultura 2017: un’edizione speciale di Vestire il Paesaggio

Verso Pistoia Capitale Europea del Verde

11 – 17 giugno 2017

Pistoia, premiata nel 2017 con l’autorevole riconoscimento di “Capitale Italiana della Cultura”, è un piccolo gioiello conosciuto da pochi. Da sempre crocevia di scambi, la città vanta un ricco patrimonio artistico, storico e architettonico ed è impreziosita dal contesto paesaggistico e territoriale in cui è inserita. Pistoia è infatti cinta a nord dalle montagne, circondata dal verde dei vivai e dista poche decine di chilometri dal mare della Versilia e da contesti culturali importanti come Firenze e Pisa. Sono pochi i centri in Italia che possono vantare ai margini delle città storiche l’esistenza di aree agricole e questo è un valore da preservare oggi più che mai.

La cintura verde che cinge Pistoia – culla della produzione del vivaismo ornamentale di cui è leader a livello europeo – trova le sue origini negli orti coltivati a piante ornamentali all’interno delle mura urbane: gradualmente si passò dal collezionismo botanico, in uso presso le famiglie nobili e borghesi, alle coltivazioni destinate al mercato. In questo luogo, dove le capacità produttive e progettuali del verde si uniscono alle tradizioni culturali della Toscana e nella storia Granducale, nasce Vestire il Paesaggio.

Vestire il Paesaggio, meeting internazionale ideato nel 2007, è giunto quest’anno alla sua quarta edizione ed è l’occasione riflettere e proporre idee innovative per la progettazione del paesaggio, utilizzando a pieno le opportunità offerte dall’ampia gamma di piante coltivate e incoraggiando il contatto del cittadino con la natura, la bellezza e la salubrità del verde. La manifestazione vuole così rafforzare l’immagine di Pistoia non solo come “città delle piante”, ma anche come città d’arte e di eccellenze, territorio ricco di bellezze paesaggistiche, capolavori e cultura.

Per quest’anno Vestire il Paesaggio propone un’edizione eccezionale per l’ampiezza del programma e la pluralità dell’offerta, sia dei luoghi di confronto che delle tematiche affrontate. Domenica 11 giugno aprirà la kermesse la “biciclettata verde”, una pedalata ecologica aperta a tutti, con l’unico vincolo di indossare qualcosa di verde o interpretare una scenografia ispirata a piante, fiori e paesaggio. Un’occasione perfetta per lasciarsi catturare dalle suggestioni artistiche, cromatiche e paesaggistiche della Capitale della Cultura 2017, con un itinerario tematico tra spazi verdi, chiostri, parchi e giardini storici della città, illustrato da storici dell’arte, paesaggisti e tecnici del verde.

La giornata di lunedì 12 giugno sarà dedicata ad incontri, dialoghi e itinerari con due tematiche specifiche: la mattina, all’Antico Palazzo dei Vescovi, sarà tutta al femminile per i “Fiori invisibili” del vivaismo, con la partecipazione di Margherita Lombardi e Simonetta Chiarugi, e in collaborazione con “Pollici rosa… di rare piante” e delle donne del Centro Antiviolenza “Liberatutte”. Nel pomeriggio, nella sessione “Dal fiabesco drappo all’incanto del paesaggio”, si terrà un incontro dedicato a “Educare alla cultura del giardino: le piante fatte a regola d’arte, dall’Arazzo Millefiori alle produzioni vivaistico-ornamentali pistoiesi”, con una prolusione finale del noto paesaggista e filosofo spagnolo Fernando Caruncho. A seguire, il primo degli Itinerari Culturali del Verde, dedicato all’Arazzo Millefiori, una delle più straordinarie e più rare bellezze artistiche di Pistoia, custodito presso i Musei dell’Antico Palazzo dei Vescovi.

Martedì 13 e mercoledì 14 giugno, nella Sala Maggiore del Palazzo di Giano, ci sarà un convegno aperto dalla lectio magistralis di Francesco Ferrini, professore di Arboricoltura e preside della Scuola di Agraria dell’Università di Firenze, a cui seguiranno sessioni tematiche sui temi della cultura vivaistica, del paesaggio, della ricerca, della pianificazione e progettazione. Nei giorni a seguire proseguiranno gli Itinerari Culturali nel Verde, dove si evidenzieranno la complessità della produzione e le differenti possibilità d’impiego di diverse varietà come: conifere, magnolie, alberi e arbusti sempreverdi, alberi e arbusti caducifoglia, rose, piante da frutto, viti e olivi, rampicanti e perenni, bonsai.

Per l’ultima giornata, sabato 17 giugno, è prevista la tavola rotonda dedicata al progetto di Pistoia Capitale Europea del Verde. A concludere di Vestire il Paesaggio ci saranno le visite guidate su prenotazione al Parco Museo “Lo Spirito del Luogo”, alla Villa Medicea “La Magia” di Quarrata, patrimonio UNESCO, e al giardino storico di Villa Garzoni a Collodi, patria di del burattino più famoso del mondo, Pinocchio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *