Un annullo filatelico per Vestire il Paesaggio 2017

Anche questa edizione di Vestire il Paesaggio avrà un annullo filatelico dedicato. Ovvero uno speciale timbro postale ideato internamente dalla Provincia di Pistoia, dallo Staff di Vestire il Paesaggio, in accordo con Poste Italiane. L’annullo filatelico, che va a timbrare e quindi annullare il francobollo, fa acquistare valore al francobollo stesso.

Il timbro, oltre a ricordare la manifestazione Vestire il Paesaggio giunta alla IV edizione, celebra Pistoia Capitale Italiana della Cultura 2017.

Son disponibili due tipi di cartoline commemorative di VP2017. La prima, stampata in 700 esemplari, raffigura nella parte alta l’albero di Sophora del parco della Villa medicea La Magia a Quarrata, sede di Vestire il Paesaggio 2010, con lo skyline di Pistoia, e nella parte bassa il Palazzo Comunale di Pistoia stilizzato.

La seconda cartolina, stampata in 300 esemplari, riunisce diversi elementi simbolici del territorio pistoiese, antichi e più recenti: il Battistero di San Giovanni in Corte e la Torre campanaria di Piazza del Duomo; la statua di San Jacopo posta in sommità della facciata della Cattedrale di San Zeno, che rappresenta le storiche tradizioni pistoiesi; il “micco”, simbolo antico della città di Pistoia, cioè l’orso che sorregge lo scudo cittadino a scacchi bianchi e rossi; l’opera “Labirinto” di Robert Morris, a fasce bianche e verdi che richiamano l’architettura delle chiese romaniche toscane, inserita nel parco della Fattoria di Celle; e l’opera raffigurante un cavallo del celebre scultore pistoiese Marino Marini posta nel cortile interno del Palazzo Comunale.

MARTEDI’ 13 GIUGNO sotto le Logge del Palazzo Comunale di Pistoia in Piazza del Duomo, dalle ore 10,30 alle ore 16,30, sarà collocata una postazione per l’annullo filatelico, dove saranno a disposizione gratuitamente le cartoline di Vestire il Paesaggio sulle quali far apporre lo speciale timbro postale.

Un’occasione unica, a ricordo sia di VP2017 che dell’anno di Pistoia Capitale Italiana della Cultura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *